Calendario Eventi
3/124/125/126/127/128/129/12
10/1211/1212/1213/1214/1215/1216/12
17/1218/1219/1220/1221/1222/1223/12
24/1225/1226/1227/1228/1229/1230/12
Muovi il mouse sulle date evidenziate e visualizza i link!
Milanofotografo.it
Sezione Svago e Cultura
HomeSezione FotografiaSezione servizi

Mandello del Lario (Lecco): Chiesa di San Lorenzo Martire

Foto Chiesa di San Lorenzo Martire
Foto Chiesa di San Lorenzo Martire
Foto Chiesa di San Lorenzo Martire
Foto Chiesa di San Lorenzo Martire
Foto Chiesa di San Lorenzo Martire
Visualizza da visitare intorno a Milano:
Luoghi  di interesse storico  di interesse artistico intorno a Milano: Chiesa di San Lorenzo MartireLa Chiesa arcipretale di San Lorenzo Martire rappresenta la chiesa più importante di Mandello del Lario. Si trova nel centro storico del borgo, a poco più di una cinquantina di metri dalla riva del lago.

Le origini della chiesa sono come minimo altomedievali, essendo essa già documentata nell'800. L'edificio attuale si deve al rifacimento del 1613, anche se il campanile è ancora quello della precedente chiesa romanica costruita intorno all'undicesimo/dodicesimo secolo.

La chiesa attuale è a pianta longitudinale priva di transetto, con presbiterio rettangolare e quattro cappelle. Alla chiesa è collegata anche la cappella di Santa Marta, che strutturalmente è equivalente a sua volta ad una piccola chiesa.

La facciata della chiesa è totalmente spoglia e priva di ogni decorazione. Gli unici elementi presenti sono la porta di ingresso, un finestra semicircolare e il campanile romanico che ne copre una parte del lato sinistro. I due livelli sotto alla cella campanaria ospitano bifore con colonna dotata di capitello a stampella.
L'interno comprende un'unica navata, dotata di volta a botte lunettata, con una finestra rettangolare in ogni lunetta. Altre due finestre a forma di mezzaluna si trovano sulla parete di fondo del presbiterio e, più grande in controfacciata. L'intera volta è affrescata con simulazioni trompe l'oeil di cornici mistiliee in stucco dorato collegate da ghirlande e volute realizzate da Luigi Tagliaferri nel 1916. All'interno delle finte cornici vi sono rappresentazioni di episodi del Nuovo Testamento e angeli e putti. Da notare una delle scene sul lato sinistro, in cui angioletti prendono a martellate e a picconate dei cannoni.
Su ogni lato sono presenti due cappelle, di uguale struttura: non molto profonde e con volta a botte, sono dotate di altare in marmo. L'ancona, però, non reale, ma solo dipinta in stile trompe l'oeil sulla parete di fondo.
Sul lato sinistro vi sono la cappella della Decollazione del Battista e la cappella del Santo Crocifisso, sul lato destro la cappella della Santa Trinità (Fig. 3) e la cappella di San Giuseppe. Fra le due cappelle di destra è presente un'entrata secondaria, sopra la quale si trova una cantoria per il coro e l'orchestra. Accanto vi è il pulpito seicentesco in legno intagliato e dorato. Sopra alla cappelle di sinistra si trova invece una cantoria con l'organo del diciassettesimo secolo dotato di una cassa in legno intagliato e dorato.
La controfacciata è riccamente decorata con stucchi realizzata alla fine del diciassettesimo secolo in stile squisitamente barocco. Essi fanno da cornice al grande quadro posto sopra all'ingresso, realizzato da Agostino Santagostino fra il 1684 e il 1706 e raffigurante San Lorenzo nella gloria dei cieli.
A destra e a sinistra dell'entrata principale sono presenti due confessionali in legno del 1745.
Il presbiterio, di forma rettangolare e separato dalla navata da una suntuosa balaustra in marmi policromi in cui le consuete colonnine sono sostituite con elementi multiformi quali cartigli, cartocci e conchiglie, è assai profondo e largo quasi come l'intera navata. Anche esso è dotato di una volta a botte, decorata nello stesso modo di quella della navata. Al centro si trova il grande altare barocco in legno intagliato e dorato decorato con un grande numero di statue di varie dimensioni. La parte inferiore delle pareti è occupata dagli stalli del coro, realizzato da Andrea Radaelli nel 1691. La parte superiore è invece occupata da tre grandi teleri, dipinti, come quello in controfacciata, da da Agostino Santagostino fra il 1684 e il 1706. In essi sono raffigurati l'Incontro tra san Lorenzo e il papa Sisto II, il Processo a san Lorenzo e il Martirio di san Lorenzo sulla graticola ardente. Essi sono circondati da ricche cornici barocche in stucco realizzate da Giacomo Scotti alla fine del diciassettesimo secolo.
Sopra all'ingresso del presbiterio vi è una trave sulla quale è collocato il crocefisso di Francesco Micheli del 1676.
Dal lato sinistro si accede alla cappella di Santa Marta, che si pensa in epoca medievale fosse stata un battistero. Essa costituisce in effetti una sorta di chiesa nella chiesa. È composta da una navata quadrangolare sulla quale si aprono di fronte l'abside poligonale con l'altare maggiore della Madonna del Rosario, a sinistra la cappella del battistero e a destra la cappella dell'Addolorata, delimitata da una balaustra in marmo nero e in cui è presente un altare di marmo nero e arancione con ancona dello stesso materiale. Attraverso la cappella dell'Addolorata si accede alla cappella della Madonna di Lourdes, contenente una riproduzione in piccolo della famosa grotta.
All'inizio del passaggio che conduce dalla navata alla cappella di Santa Marta si trova, all'interno di una vetrina in legno intagliato e dipinto un anticco affresco della Madonna Addolorata, più volte ridipinto.

Di fronte alla chiesa si trova l’antica Cappella dei Morti, strutturalmente indipendente dalla chiesa e a pianta ottagonale.

Unito alla chiesa, si riconosce ancora il complesso dell‘abbazia benedettina, già esistente nel 833 d.C., di cui rimane solo il chiostro.

Associato alla chiesa è anche il museo d’Arte Sacra San Lorenzo, situato nella ex Casa dei Disciplini di Santa Marta, che fu istituita probabilmente all'inizio del quattordicesimo secolo e di cui si conserva un affresco realizzato tra il sec. XV e il XVI.
Al suo interno conserva suppellettile e paramenti liturgici di indubbio interesse artistico che si riferiscono alle consuetudini devozionali e processionali di Mandello.

Vedere anche:
Mandello - Monumenti e luoghi
La Chiesa di San Lorenzo
Museo d’Arte Sacra di Mandello

Categorie: Luoghi di interesse storico di interesse artistico


Piazza Giovanni XXIII, 8, 23826 Mandello del Lario LC
Foto aggiuntive della Chiesa di San Lorenzo Martire nella sezione Fotografia
Mandello del Lario (Lecco): Affresco della Madonna Addolorata nella Chiesa di San Lorenzo Martire