Calendario Eventi
24/725/726/727/728/729/730/7
31/71/82/83/84/85/86/8
7/88/89/810/811/812/813/8
14/815/816/817/818/819/820/8
Muovi il mouse sulle date evidenziate e visualizza i link!
Milanofotografo.it
Sezione Svago e Cultura
HomeSezione FotografiaSezione servizi

Palazzo Morando

Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Foto Palazzo Morando -  Ville e palazzi  Altro
Visualizza un altro tesoro di arte e storia di Milano:
Milano - Ville e palazzi  Altro: Palazzo MorandoPrincipali stili rappresentati: Barocco - Rococò

Palazzo Morando, uno storico palazzo della città di Milano, sito in Via Sant'Andrea 6, in pieno Quadrilatero della Moda, è un altro dei tesori di arte e storia che meriterebbero più notorietà fra i turisti. Esso è oggi sede del Museo di Milano e della collezione Costume Moda Immagine.

L'elegante palazzo ha origini cinquecentesche. Abitato da importanti famiglie nel corso dei secoli - Casati (fine XVI secolo-1713); Villa (1733-1845); De Cristoforis (1845-1877); Weill Schott (1877-1903) – giunge agli inizi del Novecento nelle mani dei Morando Bolognini, ultimi proprietari prima della donazione al Comune di Milano, voluta da Lydia Caprara Morando Bolognini nel 1945.

L'impronta dominante, che ancora caratterizza Palazzo Morando, risale comunque al XVIII secolo. Significativi furono infatti gli interventi eseguiti al tempo della casata Villa, che conferirono all'intero stabile le linee e l'ornamentazione tipicamente rocaille (un particolare tipo di rococò), tutt'oggi percepibili nella facciata prospiciente via Sant'Andrea, nello scalone d’onore e in alcuni partiti decorativi delle sale.

Le stanze del palazzo, ereditate dal Comune di Milano, contenevano la ricca collezione della famiglia Morando, comprendente dipinti, arredi e diversi oggetti d'arte decorativa. Come era nella prassi dell'epoca le raccolte vennero smembrate, suddivise per tipologia e unite a quelle già esistenti in altri edifici comunali. Il piano nobile di Palazzo Morando venne destinato ad ospitare i dipinti di Luigi Beretta, una ricca campionatura di raffigurazioni della città di Milano, donata al Comune fin dal 1934. Con il nome di Museo di Milano il palazzo venne aperto al pubblico nel 1958.

Nel 1996 un nuovo allestimento ha restituito a Palazzo Morando la sua doppia identità di dimora signorile e di grande pinacoteca dedicata all'iconografia di Milano. Molta parte delle collezioni Morando Bolognini, con alcune integrazioni, sono state ricollocate in un'ala dell'edificio riproposta come abitazione, mentre nell'altra ala è stata mantenuta la destinazione a raccolta di dipinti.

Nel 2010 Palazzo Morando è stato destinato ad accogliere la collezione di Moda e Costume del Comune di Milano. Nelle sale del palazzo verranno così proposti a rotazione gli abiti più significativi del ricco e pressoché sconosciuto guardaroba civico, parte fondamentale del patrimonio artistico della città di Milano. Esso consta di quasi 6.000 pezzi, conserva opere molto differenziate e di grande qualità alle quali la nuova sede di Palazzo Morando intende dare, nel tempo, la giusta valorizzazione.

Palazzo Morando conserva le atmosfere della vecchia Milano nobiliare del diciottesimo e del diciannovesimo secolo forse anche più dei pur suggestivi Palazzo Bagatti Valsecchi e Palazzo Poldi Pezzoli, cui già in origine era stata data la funzione di rappresentare epoche passate.

Gli ambienti di maggiore interesse artistico all'interno del palazzo sono:

  • lo scalone monumentale, a doppia rampa, con la caratteristica balaustra a volute Rococò.

  • la Galleria Cinese, esposizione delle porcellane e delle ceramiche cinesi della collezione Morando.

  • la Sala dell’Olimpo, la cui decorazione, attribuita a Giovanni Antonio Cucchi, commemora le nozze tra Giovanni Villa e Maria Pusterla celebrate nel 1762. Il soffitto della sala è decorato secondo la tecnica del tromp d'oeil e come impostazione ricorda da vicino la volta del Salone delle Feste di Villa Arconati

  • Il Salottino Dorato

  • la sala Egizia, dal pavimento a mosaico a motivi egizi e classicheggianti

  • la sala d’Ercole, dall'affresco della volta realizzata dal pittore Giovan Battista Ronchelli e dal quale pende un grande lampadario di cristallo

  • la sala Dhò, precedentemente camera da letto ai tempi dei Villa

  • la galleria dei busti


Palazzo Morando raccoglie, in particolare, molti quadri raffiguranti scorci di Milano in epoche passate, quadri spesso di impostazione molto simile a moderne foto, che rappresentano una suggestiva documentazione, in grado di far apprezzare quanto è cambiata la città nel corso del tempo.

Palazzo Morando è visitabile a pagamento.
Maggiori informazioni su Palazzo Morando Costume Moda Immagine, il sito da cui provengono le informazioni su questa pagina.

Vedere anche Palazzo Morando su altervista

Se sei interessato ad una visita guidata di questo monumento invia un'email!

Categorie: Ville e palazzi Altro


Via Sant'Andrea 6, Milano
Foto aggiuntive della Palazzo Morando nella sezione Fotografia
Milano: Salottino dorato all'interno di Palazzo Morando
Milano: Sala Rossa di Palazzo Morando